Pisa-Ascoli 2-1 PDF Stampa E-mail

Domenica 3 novembre  2013 – Lega Pro, Prima Divisione, 10a giornata

Pisa – Ascoli 2-1

Pisa: Provedel, Pellegrini, Sabato (45’ Caputo), Kosnic, Goldaniga, Sampietro, Napoli, Mingazzini (28’ s.t. Forte), Arma, Giovinco (14’ s.t. Bollino), Favasuli. All. Pagliari
Ascoli: Russo, Scalise, Giacomini, Rosania, Pestrin, Scognamillo, Falzerano, Capece (46’ s.t. Di Gennaro), Vegnaduzzo (29’ s.t. Iotti), Tripoli, Gandelli. All. Giordano
Gol: 43’ Vegnaduzzo, 30’ s.t. Kosnic, 48’ s.t. Favasuli su rigore.
Arbitro: Daniele Rasia di Bassano
Ammoniti Tripoli, Scognamillo, Rosania, Favasuli, Giacomini
Espulsi Bollino e Rosania per doppia ammonizione
Note:  4300 spettatori circa
Minuti di recupero: 0 p.t. / 3’ s.t.

PISA – Il Pisa torna in campo per la 10^ giornata pronto epr cercare di riscattare la sconfitta esterna di domenica scorsa. L’avversario di turno, l’Ascoli, è allenato da Bruno Giordano, vecchia conoscenza della gestione Pomponi. Si tratta di uno degli allenatori  con la più alta media di retrocessioni e fallimenti in carriera.

PRIMO TEMPO – A dare il via alle ostilità è l’Ascoli, grazie a un’azione personale di Tripoli, che al 2’ si smarca e va al tiro. Difesa nerazzurra non perfetta in questa occasione. La prima frazione si trascina senza grandi occasioni, il gioco espresso è davvero poco sia da una parte che dall’altra, ma il Pisa sembra avere più difficoltà nei primi 20’ ad avvicinarsi all’area di rigore avversaria. Al 24’ il Pisa va vicino al gol con Kosnic, che di piede corregge fuori l’angolo battuto da Giovinco. Il Pisa prende coraggio e guadagna metri verso la porta dell’Ascoli. Al 35’ il Pisa ha l’occasione più ghiotta di tutto il primo tempo: su un lancio al millimetro di Sampietro, Arma appoggia di testa per Napoli che di sinistro al volo colpisce la traversa; nerazzurri davvero sfortunati in questa situazione. Al 37’ l’Ascoli prende coraggio, e su un’incursione dell’asse Tripoli-Vegnaduzzo, quest’ultimo va alla conclusione mancina mandando fuori di poco. A due minuti dalla fine del primo tempo però è l’Ascoli a segnare. Falzerano fa tutto quello che vuole sulla fascia, dribblando tutta la difesa del Pisa e appoggiando per Vegnaduzzo che libero da avversari calcia indisturbato per la rete dell’1-0. Al 45’ viene assegnata una punizione per il Pisa, ma Favasuli colpisce la traversa, la seconda in neanche 10 minuti di gioco. Finisce così il primo tempo.

SECONDO TEMPO – La ripresa inizia con la sostituzione di Sabato per Caputo. Il Pisa fino a questo momento ha giocato un calcio lento e prevedibile. Favasuli rispecchia in pieno il gioco della squadra, risultando insieme a Sabato il peggiore in campo. Il capitano viene anche ammonito tuffandosi in area di rigore nella speranza di ottenere un fallo. Favasuli cerca il riscatto con un tiro a giro di destro al 18’, ma la palla termina di poco fuori. Nel frattempo un Giovinco non al meglio viene sostituito da Bollino. Al 28’ Pagliari gioca la carta Forte al posto di Mingazzini sbilanciando la squadra nella speranza di un pareggio. Il Pisa è anche molto sfortunato, perché una mischia in area viene salvata sulla linea dopo un tocco sottomisura di Forte.  Al 30’ i nerazzurri  trovano finalmente la rete del pareggio. Da un angolo di Bollino la palla viene ribattuta nuovamente sui piedi del trequartista pisano, che rimette in mezzo la palla. Dopo un batti e ribatti la sfera arriva sui piedi di Kosnic che mette dentro la rete del pari. Mentalmente la partita cambia, adesso è il Pisa a cercare anche la rete del vantaggio. Al 34’ Arma calcia da fuori area, ma Russo blocca in due tempi.  Bollino viene poi espulso per doppia ammonizione, mentre il Pisa costantemente cinge d’assedio l’area avversaria.

Al 48’ arriva il calcio di rigore per l’atterramento di Napoli in area. Dal dischetto Favasuli riscatta la sua altalenante prestazione segnando la rete del decisivo 2-1.

 

Articolo di Michele Bufalino per VideoNewsTV

 

Valid XHTML 1.0 Transitional CSS ist valide!