Ac Pisa 1909 News
Il Pisa esce a testa alta dalla coppa italia PDF Stampa E-mail

Bella prestazione dei nerazzurri, che, in 10 uomini complessivamente per oltre 90 minuti, per due volte sotto, raggiungono il Padova a tempi regolamentari e ai supplementari. Ai rigori vince il Padova.

 

Domenica 12 agosto 2012 – Coppa Italia Tim, secondo turno

Padova – Pisa 4-2 ai rigori (2-2 dopo tempi supplementari, 1-1 dopo i tempi regolamentari)

PADOVA (3-5-2): Pelizzoli, Rispoli (25’s.t. Jelenic), Franco, Piccioni, Trevisan, Farias (12’ s.t. Cutolo), Legati, Ze Eduardo, Galli, De Vitis, Babacar (12’ s.t. Granoche). All. Pea PISA (3-6-1): Sepe; Suagher, Colombini, Sabato; Rizzo (36’ Tulli), Fondi (1’ pt.sup. Rozzio), Mingazzini, Barberis (18’ Buscè), Favasuli, Benedetti; Perez. All. Pane Gol: Babacar (rig.) al 27’ p.t., Benedetti al 46’ p.t., Cutolo al 15’ p.t.s., 9’s.t.s. Suagher. Sequenza dei rigori. Ze Eduardo (Padova) gol. Favasuli (Pisa) gol. Cutolo (Padova) gol. Sabato (Pisa) parato. Franco (Padova) gol. Benedetti (Pisa) gol. Granoche (Padova) gol. Tulli (Pisa) parata Arbitro: Gennaro Palazzino di Ciampino. Assistenti: Lo Cicero di Brescia - Vivenzi di Brescia. IV uomo Caso di Verona Espulso Colombini Minuti di recupero: 2’ p.t., 5’s.t. Note: 1492 spettatori paganti, con un incasso di 8541,70 euro. Presenti circa 150 tifosi pisani a Padova


PISA – I nerazzurri di mister Pane affrontano il Padova in una gara che vale la qualificazione al terzo turno di Coppa Italia. Il Padova scende in campo con la versatile coppia d’attacco Babacar - Farias, mentre il Pisa schiera un folto centrocampo a sostegno di Perez, unica punta.

PRIMO TEMPO – Nella prima parte di gara il Pisa sembra schierare una squadra con diverse soluzioni al suo arco. In difesa Sabato, Colombini e Suagher, a centrocampo Benedetti, Mingazzini e Rizzo, davanti alla difesa, mentre in soluzione offensiva Favasuli, Fondi e Barberis, a rotazione, con Perez in attacco. Proprio i nerazzurri partono subito forte al 3’, con un velo di Perez, che attraversa l’area di rigore, ma la difesa della squadra di casa spazza via senza difficoltà. Poco dopo, sempre la squadra di Pane continua a spingere con Benedetti, che mette in mezzo un traversone invitante, ma la palla non viene raggiunta da Perez. All’8’ Farias, lanciato da Babacar con un tocco in profondità, si scontra con i difensori pisani che liberano. All’11’ ancora il Padova in avanti; lancio lungo di Ze Eduardo per Farias, ma Sepe blocca con le mani al limite dell’area. Si fa strada ancora il Padova, in avanti dopo la partenza positiva del Pisa nei primi minuti. Al 16’ infatti Ze Eduardo serve Rispoli, che gli restituisce la sfera, cross al centro, Babacar e Farias mancano la sfera di pochi centimetri. Al 20’ clamorosa occasione da gol per il Padova. Cross a campanile di Rispoli, Sepe cicca clamorosamente l’uscita alta, Franco non ne approfitta. Verso metà del primo tempo accade il fattaccio. Colombini falcia Babacar in area di rigore e l’arbitro lo espelle, comandando la massima punizione dal dischetto. Babacar dagli undici metri non fallisce, segnando con un cucchiaio e irridendo Pepe. I padroni di casa passano in vantaggio. Si rifanno gli uomini di Pane al 30’, su punizione. Sabato calcia a giro, palla fuori di qualche metro con Pelizzoli immobile. Al 32’ Pisa vicino al pareggio: Favasuli calcia dal limite una palombella insidiosa, Pelizzoli si salva d’istinto. Il Padova è incontenibile. La superiorità numerica negli ultimi minuti del primo tempo si fa sentire, e Farias è pericoloso al 37’ dopo una azione personale, calciando alto. Il Pisa è costretto a passare a un 4-1-3-1 con Mingazzini davanti alla difesa. Quando il Padova è nel suo miglior momento, a sorpresa il Pisa trova il pareggio. Benedetti lasciato completamente libero da Legati, d’esterno calcia preciso sul palo opposto alle spalle di Pelizzoli, che resta immobile. Grande sinistro e pareggio insperato. Finisce così la prima frazione di gioco.


SECONDO TEMPO La ripresa inizia con i padroni di casa che spingono, costringendo il Pisa al contropiede nella propria metà campo. Al primo minuto Rispoli crossa basso al centro, Sepe blocca sicuro. Poco dopo è Perez a rendersi pericoloso, calciando al volo dopo un abile controllo in area, e il pallone termina a lato. Faticano i ragazzi di Pane, e Sepe è costretto a togliere le castagne dal fuoco. Suo infatti il doppio intervento, neutralizzando una bomba di Farias lanciato in area. In campo si assiste a un Padova che cerca di attaccare in tutti i modi, mentre i nerazzurri si difendono per cercare di ripartire in contropiede. Al 15’ occasionissima per Cutolo che entra in area e lambisce il palo con Sepe battuto. Ancora Cutolo, un minuto dopo, calcia alto. Poco prima di essere sostituito da Jelenic, Rispoli si mette in luce con un cross insidioso per Granoche con Sepe che blocca in uscita bassa al 24’. Al 34’ Cutolo impegna Sepe direttamente da calcio d’angolo, poi sempre Cutolo, mette in mezzo per Trevisan, che non ci arriva. Verso fine gara, Zé Eduardo è costretto a giocare a corrente alternata per via dei crampi, riequilibrando in qualche modo le forze in campo. Al 45’ Galli tenta il tiro, splendida parata di Sepe che manda in angolo salvando il risultato. Nei minuti di recupero Tulli ha la palla della vittoria, dopo aver saltato un paio di giocatori, ma il suo destro, debole, trova Pelizzoli. Ultimo brivido con Zè Eduardo che colpisce di testa, e la palla va alta sopra la traversa. Si va ai supplementari.


SUPPLEMENTARI – Squadre stanchissime ai supplementari, il Pisa però si gioca l’ultimo cambio, con Rozzio che subentra a Fondi. Al 7’ Sabato manca il pallone, Granoche entra in area, ma Sepe riesce a portargli via la sfera. Le squadre a questo punto si allungano, con numerosi capovolgimenti di fronte. I nerazzurri resistono, ma Cutolo, che ha giocato una grande partita, li punisce proprio alla fine del primo tempo supplementare, liberandosi al tiro dal proprio marcatore, e trafiggendo Sepe. Il Pisa si lancia all’arrembaggio, cercando di attaccare in tutti i modi e sbilanciandosi in qualche occasione. Favasuli al 6’ cerca fortuna da lontano, ma la palla termina di poco a lato, baciando il palo. Buscè poco dopo dà palla in mezzo per Perez, che cicca il pallone malamente. Al 10’ esplodono i 150 tifosi accorsi da Pisa, che pareggia. Tulli calcia dal limite, la palla sbatte sul palo, rimbalza addosso a Pelizzoli che non trattiene, sulla sfera si avventa Saugher che segna. Si va clamorosamente ai calci di rigore.


RIGORI – Questa la sequenza dei rigori. Ze Eduardo (Padova) gol. Favasuli (Pisa) gol. Cutolo (Padova) gol. Sabato (Pisa) parato. Franco (Padova) gol. Benedetti (Pisa) gol. Granoche (Padova) gol. Tulli (Pisa) parata. Il Padova vince, ma il Pisa esce a testa alta.


SEGNALI POSITIVI – La partita dà diverse indicazioni in chiave campionato. Prima di tutto questo inedito 3-6-1, che assomiglia più a un 5-4-1 in fase difensiva, con un unico punto di riferimento in attacco, dato da Perez. Davanti alla difesa l’esperto Mingazzini, mentre sulla sinistra il solito asse Benedetti - Favasuli, che tanto di positivo aveva fatto l’anno scorso. Pane può uscire soddisfatto da questa partita, preparando con fiducia la stagione. Fisicamente la squadra ha tenuto molto bene, dimostrando un ottimo stato di forma, soprattutto in relazione del fatto che i nerazzurri hanno giocato in 10 contro 11 per oltre 60’. Al Pisa attualmente non manca niente, ma ci vuole assolutamente almeno un ultimo tassello, un attaccante che possa fare respirare Perez, Tulli e Strizzolo. La difesa è molto solida, e la preparazione, comunque, appare a buon punto.


ABBONAMENTI – La campagna abbonamenti intanto si attesta a quota 663 tessere vendute. Al momento 250 abbonati in Curva Nord, 180 in gradinata, 172 in tribuna inferiore e 61 in tribuna superiore.

 

Michele Bufalino per Pisanews e Videonewstv

 
Presentazione AC Pisa 1909 2012/2013 PDF Stampa E-mail

Riparte una nuova stagione!!!! Anche per Pisanellastoria.it, e ci saranno diverse novità.

 

Si è svolta nella Sala Regia del comune di Pisa la presentazione ufficiale dell'AC Pisa 1909 per la stagione 2012/2013.

 

Ecco il video della presentazione. In coda anche le fotografie:

 

 

Nell'occasione è stato presentato l'organico e le nuove maglie per il prossimo campionato.

 

Portieri:
Davide Adornato

Maurizio Pugliesi

Luigi Sepe


Difensori:

Francesco Colombini

Nicola Lanzolla

Paolo Rozzio

David Simoncini

Emanuele Suagher


Centrocampisti:
Andrea Barberis

Amedeo Benedetti

Filadelfio Carroccio

Francesco Favasuli

Filippo Fondi

Massimo Lucarelli

Luca Rizzo

Mattia Zanon

 

Attaccanti:
Leonardo Davide Gatto

Leonardo Perez

Luca Strizzolo

Giacomo Tulli

Michael Pellegrini

 

Queste invece le amichevoli:

 

1) Sabato 21 luglio. Gara amichevole Pisa-U.S. Pomarance in programma al Comunale di Pomarance, con inizio alle ore 18.00

2) Mercoledì 25 luglio. Gara amichevole Pisa-Rappresentativa A.I.C., in programma al Comunale di Pomarance, con inizio alle ore 17.30

3) Sabato 28 luglio. Gara amichevole Pisa-Pontedera, in programma all’Arena Garibaldi – Stadio Romeo Anconetani, con inizio alle ore 20.30

4) Giovedì 2 agosto. Gara amichevole con avversario ancora da definire, in programma all’Arena Garibaldi – Stadio Romeo Anconetani, con inizio alle ore 20.30

Domenica 5 agosto. Primo turno Coppa Italia TIM, con avversario ancora da definire in programma all’Arena Garibaldi

 

 

Ultimo aggiornamento Sabato 14 Luglio 2012 13:20
 
Il video di Pisa - Sorrento PDF Stampa E-mail

 
Pisa - Sorrento 2-2 PDF Stampa E-mail

Domenica 6 maggio 2012 – Lega Pro, Prima Divisione, 34° giornata

Stadio Arena Garibaldi “Romeo Anconetani”


Pisa – Sorrento 2-2

 

PISA: Sepe, Raimondi, Benedetti, Genevier, Colombini, Bizzotto (27’s.t. Bizzotto), Audel, Ilari (47’ s.t. Scicchitano), Perna (13’s.t. Perez), Favasuli, Tulli. All. Pane

SORRENTO: Chiodini, Vanin, Sabato, Beati, Di Nunzio, Terra, Carlini (32’s.t. Corsetti), Camillucci, Scappini, Ginestra (36’s.t. Maritato), Bondi (27’ s.t. Basso). All. Ruotolo.

Gol: 7’ Tulli, 21’Ginestra, 42’ Perna (rig.), Basso 45’+6 s.t.

Arbitro: Pietro Dei Giudici di Latina

Ammoniti: Di Nunzio, Favasuli, Audel, Maritato

Minuti di recupero: 2’p.t./5’ s.t.

Note: Spettatori 2000 circa.

 

PISA – Ultima sfida di campionato per il Pisa, che chiude un’annata senza infamia e senza lode, vissuta tra alti e bassi, ma con una base solida, a detta del Presidente Battini, per ripartire nella prossima stagione. Con la possibile riforma di Lega Pro la società di Battini dovrà rinforzarsi per gestire al meglio la stagione che verrà.

 

PRIMO TEMPO – Prima frazione zeppa di azioni da gol, con il Sorrento subito in avanti con Ginestra a tentare di piazzare il tiro fuori area, che però finisce fuori di poco. Al 6’ sugli sviluppi di un angolo Benedetti trova una nuova respinta del portiere da posizione defilata, che mette nuovamente in corner. Dal conseguente tiro dalla bandierina, Genevier passa il pallone a Ilari, il suo cross non viene trattenuto da Chiodini e Tulli è abile a mettere la palla in rete sfruttando la situazione da vero opportunista per la rete dell’1-0 per il Pisa. Al 10’ Scappini si divora il gol dopo un cross basso molto invitante arrivato dalla trequarti di campo. Il Pisa insiste e al 15’ da una rimessa laterale di Audel, Tulli in acrobazia passa la palla indietro per Favasuli che calcia di destro in maniera molto telefonata ed è facile per Chiodini fare propria la sfera. Sempre al 15’ su un contropiede, un tiro dalla distanza di Ginestra viene calciato debolmente, e Sepe neutralizza. Al 21’ il fattaccio: Ginestra di accentra dopo un dribbling sulla fascia, calcia dal limite dell’area, in un primo momento Sepe blocca, ma non trattiene e clamorosamente la palla rotola lentamente in rete, per il sorprendente gol del pareggio ospite. Al 29’ ancora in avanti il Sorrento, con Carlini che mette in mezzo per Scappini, ma la sua deviazione termina a lato. Al 37’ Audel riceve una palla lunga e si inserisce in area, e stremato dalla corsa calcia con poca convinzione addosso a Chiodini.

Al 38’ è Colombini a provarci da 30 metri ma il tiro è centrale. Cambia tutto al 41’ quando Perna viene atterrato in area di rigore e l’arbitro decide per la massima punizione. Dal dischetto si incarica lo stesso Perna che segna la rete del 2-1, e il Pisa torna in vantaggio. L’ultimo sussulto è di Ginestra, che prende la mira ma calcia fuori da fuori area.

 

SECONDO TEMPO – Seconda frazione di gioco con meno azioni dal gol della prima, ma con più agonismo in campo. Al 7’un mischione in area pisana viene risolto da Sepe. Al 10’ Ginestra sbaglia quasi dagli undici metri su un assist del compagno Sabato, che aveva messo in mezzo una palla molto invitante. Al 14’ viene annullato un gol agli ospiti con Di Muzio che ha raccolto un cross del solito Sabato. Un minuto dopo è Tulli a sbagliare da posizione defilata. Al 25’ Raimondi va vicino al gol, dopo essere stato servito da Favasuli. Il suo tiro dal limite dell’area però è alto. Al 26’ una sgroppata sulla fascia di Ronaldo Vanin ha come esito il suo cross per Ginestra, che tira centrale. Al 30’ va vicino al gol il Sorrento, sempre con Ginestra, ma il suo tiro viene deviato in angolo. Il Pisa è alle strette, gli ospiti premono e al 31’ Beati, da fuori area, scuola Inter, calcia alto. Il Pisa cerca di farsi vivo al 37’ con un cross di Benedetti dalla trequarti di campo; ancora una volta Tulli calcia alto e la sfera termina in curva. È sempre Tulli che si divora i palloni più invitanti. Al 42’ infatti riceve sul filo del fuorigioco palla da Perez, e calcia con un improbabile pallonetto completamente fuori misura. Dopo tanto sprecare arriva la punizione per non aver saputo chiudere la partita. Come nella sfida con lo Spezia, arriva un’altra  beffa. Su un lungo pallone per Basso, quest’ultimo si libera di un difensore e al 96’ trova la rete del pareggio. Finisce 2-2, il Pisa termina la stagione con 46 punti.

 

Articolo di Michele Bufalino per VideoNewsTV

 
Il video di Pisa-Spezia PDF Stampa E-mail


Il video di Pisa-Spezia

 
<< Inizio < Prec. 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 Succ. > Fine >>

Pagina 15 di 44

Valid XHTML 1.0 Transitional CSS ist valide!