Ac Pisa 1909 News
Pisa - Sorrento 2-2 PDF Stampa E-mail

Domenica 6 maggio 2012 – Lega Pro, Prima Divisione, 34° giornata

Stadio Arena Garibaldi “Romeo Anconetani”


Pisa – Sorrento 2-2

 

PISA: Sepe, Raimondi, Benedetti, Genevier, Colombini, Bizzotto (27’s.t. Bizzotto), Audel, Ilari (47’ s.t. Scicchitano), Perna (13’s.t. Perez), Favasuli, Tulli. All. Pane

SORRENTO: Chiodini, Vanin, Sabato, Beati, Di Nunzio, Terra, Carlini (32’s.t. Corsetti), Camillucci, Scappini, Ginestra (36’s.t. Maritato), Bondi (27’ s.t. Basso). All. Ruotolo.

Gol: 7’ Tulli, 21’Ginestra, 42’ Perna (rig.), Basso 45’+6 s.t.

Arbitro: Pietro Dei Giudici di Latina

Ammoniti: Di Nunzio, Favasuli, Audel, Maritato

Minuti di recupero: 2’p.t./5’ s.t.

Note: Spettatori 2000 circa.

 

PISA – Ultima sfida di campionato per il Pisa, che chiude un’annata senza infamia e senza lode, vissuta tra alti e bassi, ma con una base solida, a detta del Presidente Battini, per ripartire nella prossima stagione. Con la possibile riforma di Lega Pro la società di Battini dovrà rinforzarsi per gestire al meglio la stagione che verrà.

 

PRIMO TEMPO – Prima frazione zeppa di azioni da gol, con il Sorrento subito in avanti con Ginestra a tentare di piazzare il tiro fuori area, che però finisce fuori di poco. Al 6’ sugli sviluppi di un angolo Benedetti trova una nuova respinta del portiere da posizione defilata, che mette nuovamente in corner. Dal conseguente tiro dalla bandierina, Genevier passa il pallone a Ilari, il suo cross non viene trattenuto da Chiodini e Tulli è abile a mettere la palla in rete sfruttando la situazione da vero opportunista per la rete dell’1-0 per il Pisa. Al 10’ Scappini si divora il gol dopo un cross basso molto invitante arrivato dalla trequarti di campo. Il Pisa insiste e al 15’ da una rimessa laterale di Audel, Tulli in acrobazia passa la palla indietro per Favasuli che calcia di destro in maniera molto telefonata ed è facile per Chiodini fare propria la sfera. Sempre al 15’ su un contropiede, un tiro dalla distanza di Ginestra viene calciato debolmente, e Sepe neutralizza. Al 21’ il fattaccio: Ginestra di accentra dopo un dribbling sulla fascia, calcia dal limite dell’area, in un primo momento Sepe blocca, ma non trattiene e clamorosamente la palla rotola lentamente in rete, per il sorprendente gol del pareggio ospite. Al 29’ ancora in avanti il Sorrento, con Carlini che mette in mezzo per Scappini, ma la sua deviazione termina a lato. Al 37’ Audel riceve una palla lunga e si inserisce in area, e stremato dalla corsa calcia con poca convinzione addosso a Chiodini.

Al 38’ è Colombini a provarci da 30 metri ma il tiro è centrale. Cambia tutto al 41’ quando Perna viene atterrato in area di rigore e l’arbitro decide per la massima punizione. Dal dischetto si incarica lo stesso Perna che segna la rete del 2-1, e il Pisa torna in vantaggio. L’ultimo sussulto è di Ginestra, che prende la mira ma calcia fuori da fuori area.

 

SECONDO TEMPO – Seconda frazione di gioco con meno azioni dal gol della prima, ma con più agonismo in campo. Al 7’un mischione in area pisana viene risolto da Sepe. Al 10’ Ginestra sbaglia quasi dagli undici metri su un assist del compagno Sabato, che aveva messo in mezzo una palla molto invitante. Al 14’ viene annullato un gol agli ospiti con Di Muzio che ha raccolto un cross del solito Sabato. Un minuto dopo è Tulli a sbagliare da posizione defilata. Al 25’ Raimondi va vicino al gol, dopo essere stato servito da Favasuli. Il suo tiro dal limite dell’area però è alto. Al 26’ una sgroppata sulla fascia di Ronaldo Vanin ha come esito il suo cross per Ginestra, che tira centrale. Al 30’ va vicino al gol il Sorrento, sempre con Ginestra, ma il suo tiro viene deviato in angolo. Il Pisa è alle strette, gli ospiti premono e al 31’ Beati, da fuori area, scuola Inter, calcia alto. Il Pisa cerca di farsi vivo al 37’ con un cross di Benedetti dalla trequarti di campo; ancora una volta Tulli calcia alto e la sfera termina in curva. È sempre Tulli che si divora i palloni più invitanti. Al 42’ infatti riceve sul filo del fuorigioco palla da Perez, e calcia con un improbabile pallonetto completamente fuori misura. Dopo tanto sprecare arriva la punizione per non aver saputo chiudere la partita. Come nella sfida con lo Spezia, arriva un’altra  beffa. Su un lungo pallone per Basso, quest’ultimo si libera di un difensore e al 96’ trova la rete del pareggio. Finisce 2-2, il Pisa termina la stagione con 46 punti.

 

Articolo di Michele Bufalino per VideoNewsTV

 
Il video di Pisa-Spezia PDF Stampa E-mail


Il video di Pisa-Spezia

 
Lo Spezia vince la Coppa di Lega Pro PDF Stampa E-mail

 

Mercoledì 2 maggio 2012 – Lega Pro, Coppa Italia, Finale di ritorno

Stadio Arena Garibaldi “Romeo Anconetani”


Pisa – Spezia 1-2 (and. 0-1 / aggr. 2-2)

 

PISA: Pugliesi, Raimondi (37’s.t. Gatto), Benedetti, Genevier, Colombini, Bizzotto, Benvenga, Obodo, Perez, Favasuli (37’s.t. Perna), Tulli. All. Pane

SPEZIA: Conti, Chianese (30’s.t. Casoli), Mora, Acampora (17’s.t. Rivalta), Ricci (37’s.t. Lucioni), Murolo, Lazzoni, Bianco, Guerra, Marras, Testini. All. Serena

Gol: 35’ Favasuli, 45’+2 Guerra, 30’s.t. Guerra

Arbitro: Michael Fabbri di Ravenna

Ammoniti: Benvenga, Raimondi, Ricci, Acampora, Bianco, Benedetti e Rivalta.

Espulsi: Genevier

Minuti di recupero: 2’ p.t. / 5’s.t.

Statistiche (Pisa/Spezia): Tiri (12/4), Tiri in porta (8/2), Calci d’angolo (6/3), Falli (30/28).

 

PISA – Harakiri clamoroso del Pisa in finale di coppa dopo una partita che ha dell’incredibile. E pensare che gli ospiti schieravano una squadra rimaneggiata rispetto ai primi 90 minuti, dato che i bianconeri si giocano la promozione diretta contro il Trapani, che ha perso 10 punti nelle ultime 8 giornate e si trova a pari punti con i liguri. Questo non è bastato al Pisa per vincere la gara, sconfitto da qualche titolare e riserve illustri. La finale ripartiva dallo 0-1 della gara d’andata, quando il Pisa era uscito vincitore a La Spezia grazie alla rete di Tulli.

 

EDIZIONE RICCA - Per la quarantesima edizione della Coppa Italia di Lega Pro, è stato ricordata, nel pre-gara mattutino della Sala Regia di Palazzo Gambacorti, la figura di Romeo Anconetani, il Presidentissimo del Pisa e storico dirigente nazionale, tra gli onori di casa del Sindaco Filippeschi e dell’assessore Eligi. Edizione ricca, con l’augurio del Presidente Napolitano alla buona riuscita della manifestazione nel pieno spirito dei valori dello Sport.

 

PRIMO TEMPO – Si gioca nervosamente, senza occasioni da gol nella prima mezz’ora. Da segnalare un paio di situazioni pericolose, con lo Spezia che ha a disposizione due calci d’angolo, ma non li sfrutta, verso il 3’ di gioco. Favasuli all’11’ prova una conclusione da fuori area, ma la palla viene deviata in calcio d’angolo da un difensore. Il primo vero tiro in porta è di Favasuli, al 35’, su punizione. Il numero 10 del Pisa è abilissimo a trovare il gol. Il Pisa passa così in vantaggio e Favasuli corre per tutto il campo per andare a esultare sotto la curva, dalla parte opposta rispetto al gol. Il Pisa rischia di raddoppiare al 37’, con un pasticcio difensivo in disimpegno da parte della retroguardia ligure. È così che Perez aggancia il pallone e Tulli svirgola calciando centralmente verso il portiere. Tulli replica poco dopo con una azione personale nella quale dribbla ben tre giocatori, e va poi al tiro appena entrato in area di rigore. La conclusione termina a lato. Lo Spezia però trova il pareggio al secondo minuto di recupero, grazie a Guerra che è abile a sfruttare un infortunio difensivo di Bizzotto, che lo lascia libero nell’area piccola dopo che Pugliesi aveva allontanato la sfera. Nel finale da segnalare le proteste dei giocatori del Pisa perché la punizione dal quale è nato il gol secondo i neroazzurri non c’era.

 

SECONDO TEMPO – Nel secondo tempo il Pisa insiste per cercare di tenere il risultato al sicuro. Ci prova Perez con una conclusione centrale al 2’. Poi Favasuli si trova la palla tra i piedi e calcia fuori sugli sviluppi di una punizione di Genevier. Al 21’ Genevier si rende pericoloso con un tiro deviato in corner. Sugli sviluppi di quest’ultimo è Obodo a colpire di testa, ma la palla viene clamorosamente salvata sulla linea da un difensore ospite. Il Pisa continua a premere, con Benvenga che al 27’ calcia centralmente. Ma qualcosa va storto e accade quello che non ti aspetti. Da un’azione apparentemente innocua il pallone arriva sui piedi di Guerra che segna a porta vuota su un cross che vede Pugliesi completamente spiazzato. Pane tenta il tutto per tutto, mettendo tanti attaccanti, ma il risultato non cambia. Al 40’ il miracolo di Conti su una punizione di Benedetti è determinante ai fini del risultato e della Coppa. Con soli due tiri in porta dello Spezia contro gli otto del Pisa, i neroazzurri si sono suicidati, regalando la coppa di Lega Pro allo Spezia.

Articolo di Michele Bufalino per VideoNewsTV




La Coppa di Lega Pro

 

 
Il video di Pisa-Carpi PDF Stampa E-mail

 
Pisa-Carpi 2-1 PDF Stampa E-mail

 

Domenica 22 aprile 2012 – Lega Pro, Prima Divisione Gir.A, 32° Giornata

Stadio Arena Garibaldi “Romeo Anconetani”


Pisa – Carpi 2-1

 

PISA: Sepe, Buscaroli, Benedetti, Genevier, Colombini, Bizzotto (26’s.t. Raimondi), Ton (22’ s.t. Benvenga), Obodo, Perna, Ilari (20’ s.t. Favasuli), Tulli. All. Pane

CARPI: Mandrelli, Laurini, Poli, Pasciuti (26’ s.t. Potenza), Cioffi, Terigi, Concas (33’ Perrulli), Memushaj, Eusepi (26’ s.t. Kabine), Boniperti, Ferretti. All. Notaristefano

Gol: 20’ Perna, 11’s.t. Memushaj, 29’s.t. Tulli

Arbitro: Luca Barbeno di Brescia

Ammoniti: Eusepi, Perna, Mandrelli, Terigi, Ton, Bizzotto, Obodo, Potenza, Benvenga

Note: Abbonati 2125, paganti 953, per un incasso di 26832 euro.

Minuti di recupero: 2’ p.t. / 5’ s.t.

 

PISA – Penultima sfida casalinga per i neroazzurri contro il temibile Carpi, al secondo posto in classifica dopo una stagione entusiasmante da neopromossa. Il sogno della promozione diretta per gli ospiti sembra finire qui, con un ottimo 2-1 della squadra di Pane, che porta a casa un risultato importantissimo. Pisa che può guardare con molta tranquillità alla classifica e concentrarsi sulla Coppa Italia di Lega Pro, in virtù dell’ottimo risultato della gara di andata al Picco di La Spezia, espugnato 0-1 grazie alla rete di Tulli. La gara di ritorno si giocherà il 2 maggio alle ore 18.30 sul campo dell’Arena.

 

PRIMO TEMPO – Leitmotiv dei primi minuti di gioco è il duello tra Obodo e Mandrelli. Il centrocampista del Pisa calcia quattro volte nei primi dieci minuti di gioco verso la porta del Carpi, con un bilancio di tre conclusioni fuori e una parata dell’estremo difensore ospite. Il Carpi sembra rimasto a casa, e ancora un’azione del Pisa questa volta si risolve con la rete del vantaggio della squadra neroazzurra, non senza proteste ospiti. Infatti le immagini confermano un tocco di mano volontario di Perna, che trattiene il pallone con la mano destra dopo il lancio di Genevier su punizione e successivamente gira a rete per il gol del momentaneo 1-0. Il Pisa ancora in avanti cerca il raddoppio, ma trova la traversa con u ottimo pallonetto piazzato di Perna al 35’. Al 41’ Memushaj non sorprende su punizione Sepe, che blocca ottimamente. All’ultimo minuto del primo tempo Eusepi libera il sinistro e calcia di esterno in area di rigore, ma la palla termina alta di poco.

 

SECONDO TEMPO – Reazione di carattere del Carpi all’inizio della seconda frazione di gioco. Al 2’ Eusepi in area piccola riceve il pallone ma calcia clamorosamente fuori. Al 3’ Sepe mette in angolo, altro rischio per il Pisa. Al 5’ il Pisa prova a uscire dal guscio, Perna in area di rigore riceve un ottimo pallone, si gira debolmente di sinistro e per Mandrelli non è un problema bloccare la sfera. Un fallo ingenuo di Ton, che si prende il giallo, spiana la strada alla rete del pareggio del Carpi. Memushaj calcia di destro una punizione perfetta, resta immobile Sepe. È la rete del pareggio. È un ottimo momento per il Carpi, ma il Pisa effettua tutte e tre le sostituzioni mettendo dentro i titolari, lasciati a riposo in panchina. Cambia nuovamente il vento e i neroazzurri mettono alle corde la squadra di Notaristefano. Al 29’ sull’asse Benedetti-Favasuli-Tulli, è quest’ultimo a liberarsi in area e mettere dentro la rete del 2-1 che chiude la partita. Sulla ripresa del gioco, un clamoroso pugno di Concas nei confronti di Tulli non viene vista da nessuno della terna arbitrale, gli animi si surriscaldano sia in campo che in tribuna, con il Presidente Battini che litiga con alcuni membri della dirigenza del Carpi per il brutto gesto. Si gioca poco e il Pisa porta a casa tutta la posta in gioco. Per il Carpi è la fine del sogno di una promozione diretta.


Articolo di Michele Bufalino per VideoNewsTV

 

 

Ultimo aggiornamento Domenica 22 Aprile 2012 15:40
 
<< Inizio < Prec. 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 Succ. > Fine >>

Pagina 15 di 43

Valid XHTML 1.0 Transitional CSS ist valide!